29 Agosto

29 agosto 2018

« »

Pietro la tira più dentro nel garage “Io ti sposo, sai” le dichiara (lo farà tra una licenza e l’altra, nel ’42, e per raggiungerlo lei salirà e scenderà da un numero incredibile di treni nelle stazioni più disparate, in Grecia, in Albania, a Sebenico). Le mani le rialzano i capelli e reggono la sua testa come il calice del Santo Graal, Pia lo guarda e nella notte è in realtà bellissima, gli occhi e i capelli sembrano crepitare di luce propria, e mentre gli risponde la sua voce ha l’odore dell’erba e delle prugne, dell’edera lungo il muro. Una notte da ricordare per sempre. Per sempre il garage, l’edera, il giorno: 29 agosto 1939

Rosetta Loy, La ragazza venuta per l’estate, 1984, in All’insaputa della notte, Garzanti 1990, p.126

Mentre la seconda guerra mondiale è sempre più vicina, in una famiglia in vacanza nella campagna di Casale nasce l’amore fra Pia Marcon, la ragazza venuta per l’estate a badare ai ragazzi, e Pietro, il figlio maggiore. Da una parte le notizie della guerra, i treni con i soldati, l’inquietudine, dall’altra i giochi in giardino, le letture di svago, i desideri. La notte del 29 agosto, Pia lascia il fidanzato del suo paese per Pietro che le promette di sposarla, come effettivamente farà, anche se quel “matrimonio di guerra, come si diceva allora”, sarà di breve durata. E la casa, il frutteto, il garage della promessa di matrimonio del 29 agosto verranno distrutte dai tedeschi.

Dicono del libro

Altre storie che accadono oggi

Iconcina

“… Parto il 29 agosto col piroscafo Normannia…”
Edward M. Forster, Maurice

Iconcina
“… Di che segno è? mi chiese lei. Della Vergine: sono nato la notte del 29 agosto, in pieno ciclone…”
René Depestre, L’invitato di una serata di giugno

Iconcina
“… Era il 29 agosto 1973. Cosa? Il giorno in cui scoppiò il colera a Napoli…”
Gianrico e Francesco Carofiglio, La casa nel bosco (segnalato da Maria Di Cuonzo)

 

Iconcina

“… 29 agosto 2000. E allora ci fu un istante in cui si sentì perduto: il tempo, così come l’aveva corso nell’ultimo anno, gli si fermò di colpo ai piedi del dirupo…”
Giordano Meacci, Il cinghiale che uccise Liberty Valance


CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone