1 Marzo

1 marzo 2014

«  »

Già da parecchio il tempo cattivo era finito; ci inoltravamo nella bella stagione e d’un tratto fiorirono i mandorli. Era il primo di marco. Di mattina scendo in Piazza di Spagna. I contadini hanno spogliato la campagna di tutti i suoi rami bianchi e i fiori di mandorlo riempiono le ceste dei venditori. L’incanto che provo è tale che ne compro tanti da riempire un giardino. Tre uomini me li portano a casa. Rientro con tutta questa primavera. I rami si impigliano nelle porte; alcuni petali cadono come neve sul tappeto

 André Gide, L’immoralista, 1902, tr. it. E. Scarpellini, Garzanti, ed. cons. 1982, p. 237

La data del primo marzo compare verso la fine del racconto che il protagonista, Michel, fa ad alcuni amici per spiegare gli ultimi decisivi avvenimenti della sua vita. Il matrimonio con Marceline, il soggiorno in Africa, fatto di lunghi “giorni senza ore”, la malattia ai polmoni da cui si è ripreso, la scoperta dell’omosessualità. E poi, in una specie di simmetria, la malattia della moglie che, incinta, perde il bambino, e di nuovo i viaggi, il lago di Como, Firenze, Roma, dove arrivano alle soglie della primavera, per proseguire ancora verso sud. 

Dicono del libro
“Opera di rottura con ogni esercizio letterario fine a se stesso, il simbolismo disinteressato, l’abbandono lirico del primo Gide, L’immoralista si presenta come un forte documento umano”.
(Dall’introduzione all’ed. Garzanti, op. cit.)

Altre storie che accadono oggi

tn-1

“…1 marzo*. Insoliti fenomeni si verificarono ad indicarci che entravamo in una regione di novità e di meraviglioso…” Edgar Allan Poe, Le avventure di Gordon Pym

tn-1

“… Il I marzo al più tardi sarò definitivamente installato a Parigi…”
Jean-Paul Sartre, La nausea 

tn-1

“… serve a dire quanto malinconico e  presso a poco simile a un labirinto fosse, in quel Primo di Marzo, ore quindici pomeridiane – di già! -, l’animo mio…”
Anna Maria Ortese, La casa nel bosco (In sonno e in veglia)

tn-1
“La sera di Carnevale, ormai piuttosto tardi, mentre stavo seduto al buio in una stanzetta della fureria, qualcuno mi telefonò…”
Giampiero Comolli, La foresta intelligente

tn-1

“… Appelbaum sostiene che la storia cominci il primo marzo 1877, mentre Mentz il primo marzo 1873, e nessuno dei due cede…”
Isaac Asimov, I banchetti dei Vedovi Neri (segnalazione di Aldo Spinelli)
tn

“…Il primo marzo sì me lo rammento / saremo stati millecinquecento…”
Paolo Pietrangeli, Valle Giulia (segnalazione di ag@alegissi)


CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone