18 Giugno | June 18

18 giugno 2018

« »

It was the morning June 18, 1956. I came down and said goodbye to Christine and thanked her for everything and walked down the road. She waved from the grassy yard. “It’s going to be lonely around here with everybody gone and no big huge parties on weekends”. She really enjoyed everything that had gone on. There she was standing in the yard barefooted, with little barefooted Prajna, as I walked along the horse meadow. I had an easy trip north, as though Japhy’s best wishes for me to get to my mountain that could be kept forever, were with me. 

Jack Kerouac, The Dharma Bums, 1958

Era la mattina del 18 giugno 1956. Ero sceso a salutare Christine e l’avevo ringraziata di tutto e m’ero incamminato lungo la strada. Lei mi aveva salutato con la mano dal cortile erboso. “Come sarà triste qui adesso che se ne sono andati tutti e non ci saranno più le grandi feste dei weekend.” Lei si era proprio divertita durante quegli eventi. Stava lì a piedi nudi nel cortile, con la piccola Prajna scalza pure lei, mentre io mi allontanavo costeggiando il pascolo dei cavalli.
Il viaggio verso nord procedette senza intoppi, come se mi accompagnassero gli auspici di Japhy perché potessi arrivare alla mia montagna da preservare in eterno

Jack Kerouac, I vagabondi del Dharma, 1958, tr. it. N. Vallorani, in J. Kerouac, I capolavori, Mondadori 2004, p.619

Il giovane Ray Smith, poeta, vagabondo in grado di vivere con niente, alla costante ricerca di un’illuminazione, grande meditatore sull’illusorietà delle cose, ha trovato per l’estate un lavoro come vedetta del Servizio forestale a Desolation Park, nello stato di Washington. Viaggiando sui treni merci, con pochi dollari e poche esigenze, ha attraversato il “nulla dell’America, che è comunque un’America magica”. Ha trascorso le feste di Natale a casa della madre nel North Carolina e da lì, a marzo, è ripartito per un lungo viaggio in autostop che lo porterà in California, dall’amico Japhy, maestro di buddhismo, di scalate in montagna e di sesso rituale. La primavera passa fra il taglio della legna, grandi feste, meditazioni sul tempo senza principio, finché non arriva il momento di partire per raggiungere il Parco, il 18 giugno, alle soglie dell’estate. 

 

Dicono del libro

 

Altre storie che accadono oggi

tn-1

“… Con questa goccia d’inchiostro sulla punta del mio pennino, ti introduco nel vasto laboratorio di Gionata Burge, falegname, nel villaggio di Hayslope, il 18 giugno dell’anno di grazia 1799…”
George Eliot, Adam Bede

 

tn-1

“… La sera del 18 giugno, misi in tasca il denaro, sgattaiolai fuori del tempio e mi diressi verso il quartiere Kita-Shinchi…”
Yukio Mishima, Il padiglione d’oro

tn-1

“… Un’altra giornata di passione.Questo era il pensiero di Andrea Marescalchi la mattina del 18 giugno 2001…”
Antonio Scurati, Il sopravvissuto (segnalazione di Sandra Muzzolini)


CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone