5 Aprile

5 aprile 2016

« »

5 aprile. Primavera selvaggia. Nubi in fuga. O vita. Torrente scuro di acque torbide sul quale i meli han lasciato cadere i loro fiori delicati. Occhi di ragazze tra le foglie. Ragazze  modeste e scavezzacollo. Tutte bionde o castane: nessuna scura. Arrossiscono meglio. Oplà

James Joyce, Dedalus. Ritratto dell’artista da giovane, 1916, tr. it. C. Pavese, Mondadori 1970, p. 306

“Nel tempo dei tempi, ed erano bei tempi davvero” è la frase d’inizio del Ritratto dell’artista da giovane, che segue gli anni di formazione del ragazzo Stephen Dedalus. La famiglia, la patria, il collegio cattolico, lo studio, gli incontri, i pensieri sulla religione, sull’amore e sull’arte sfociano – nelle ultime pagine – in un diario, in cui la maturazione dell’adolescente si incontra con l’arrivo della primavera irlandese. 

 

Dicono del libro
Lo scrittore, educato alla scuola dei gesuiti, era venuto in breve scoprendo orizzonti di cultura a lui più congeniali, e aveva lasciato l’Irlanda per vivere in Francia e in Italia. Come l’autore, il protagonista del romanzo, Stephen Dedalus, il giovinetto allievo nel collegio dei gesuiti, ci si presenta combattuto e in rivolta contro le istituzioni; come lui insorge contro l’ambiente che lo opprime e, a difesa della propria autonomia, sceglie ‘il silenzio, l’esilio e l’astuzia’”.
(dalla quarta di copertina dell’ed. Mondadori, op. cit.)

 


Altre storie che accadono oggi

tn

“…era il 5 di aprile / e tirava una brezza che dava un colore alla quiete / e profumo di pane alle olive…”
Daniele Silvestri, L’autostrada  (segnalazione di Maura Tomei  (@mauroppi)

tn-1
“… che cosa esattamente stava facendo lei il 5 di aprile del 1868…”
Virginia Woolf, Una stanza tutta per sé

tn-1

“… Infine, il giorno del mio compleanno, alle dodici del 5 aprile, abbiamo chiesto quanto costava- – 275 fiorini disse il fruttivendolo.- È un ananas di prima qualità…”
István Örkény Prestigio, Novelle da un minuto

tn-1
“… Nel giorno del suo trentesimo compleanno, il 5 aprile 1943, scrisse un appunto su tutto quanto possedeva…”
Torgny Lindgren, Il pappagallo di Mahler

 


CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone