31 Gennaio

31 gennaio 2018

« »

Che M. fosse costretto a simulare quell’ultima sera – fu mercoledì 31 gennaio 1973 – quando arrivò all’improvviso dopo una lunga assenza, in compagnia della sua amica, molto più giovane di lui, una sua ex allieva, per restituire un libro preso in prestito (Musil: L’uomo senza qualità), era nella natura delle cose. Sapeva che era l’ultima sera della sua vita. Nella giacca a vento che la ragazza appese in corridoio doveva trovarsi la lettera che spedirono quella sera stessa: dissero che non potevano trattenersi, dovevano ancora andare alla posta

Christa Wolf, Trama d’infanzia, 1976, tr. it. A. Raja, edizioni e/o, 1992, pp. 126-7

Raffronti di date e continui salti dall’oggi (gli anni Settanta in cui il libro viene scritto) all’oggi (gli anni Trenta, Quaranta e oltre) della materia raccontata: la scrittrice tesse una vera trama nel tempo, mentre narra di Nelly, bambina e adolescente durante il Nazismo e la guerra, della sua famiglia, della sua città, passata dalla Germania alla Polonia, dei mutamenti di regime, delle ondate di paura, delle speranze, dell’aderenza al presente che continuamente si aggiorna.
Il libro è costellato di riflessioni sul tempo: “Il passato non è morto; non è nemmeno passato. Ce ne stacchiamo e agiamo come fosse estraneo” e soprattutto di date, come questa del 31 gennaio del 1973, un’incursione del ‘presente’ nell’allora (il 1935) che viene raccontato nella pagina.

Dicono del libro

Continue reading “31 Gennaio” »

Diteci di oggi, Un giorno all’anno

Gioco Diteci di oggi – Pagina99 we: settimana 20 – 27 settembre 2014 (si partecipa fino a lunedì 22 settembre 2014)

Il blog Diconodioggi collabora con il giornale Pagina99 con Diteci di oggi: una rubrica di giochi e interazioni che hanno a che fare con la scrittura e con il tempo raccontato, in particolare con le date. Ogni settimana lo spunto per il gioco viene da un’opera o da una pagina che parla del tempo. Ecco la nuova proposta:
27 settembre
Nel 1960, il giornale moscovita Isvestija invitò gli scrittori a raccontare un giorno di quell’anno, per la precisione il 27 settembre. Si trattava di un progetto già tentato negli anni ‘30 con il titolo Un giorno nel mondo e che ritorna attuale nei recentissimi film collettivi come Life in a Day e Italy in a Day (Un giorno da italiani, regia di Salvatores).
La scrittrice tedesca Christa Wolf rispose all’appello e dal 1960, per quarant’anni, raccontò la giornata del 27 settembre. La raccolta di questi giorni narrati è nel volume Un giorno all’anno (ed. italiana e/o).

Le descrizioni di Christa Wolf si fermano all’anno 2000. L’invito per la prossima settimana è ad aggiornare l’elenco fino a oggi, raccontando o immaginando alcuni dei 27 settembre trascorsi dal 2000 al 2014 con brevi frasi, parole chiave, flash di memoria.
I testi, non più lunghi di 800 caratteri, vanno inviati all’indirizzo giochi@pagina99.it.
Si partecipa fino a lunedì 22 settembre, per consentire la scelta da pubblicare nel giornale di sabato 27.