27 Aprile

27 aprile 2019

« »

1758: La sua crescente notorietà presso la classe dominante gli procura un incarico della Regina di preparare “qualcosa di speciale” per un pranzo con l’Ambasciatore di Spagna. Egli sgobba notte e giorno eseguendo centinaia di prove e finalmente, alle 4 e 17 del mattino del 27 aprile 1758, annuncia una creazione consistente in più strisce di prosciutto racchiuse, sopra e sotto, tra due fette di pane di segale. E in un impeto di ispirazione guarnisce il capolavoro con della senape. Questo avvenimento provoca un’immediata sensazione e gli viene commissionata la preparazione dei pranzi del sabato per tutto il resto dell’anno

Woody Allen, Saperla lunga, 1966, tr. it. A. Episcopi e C. Berberian, Bompiani 1973, p.60

Vita umoristica e immaginaria del vero conte di Sandwich, il cui nome è effettivamente legato al panino farcito. Tutte le fasi della sua esistenza, trascorsa nel Settecento, vengono ricondotte al tema dello spuntino e della combinazione fra pane, roast-beef e prosciutto, fino ad arrivare alla mattina del 27 aprile, quando avviene l’invenzione che porta il suo nome, in qualche modo ancora collegata all’idea di velocizzare i pasti, guadagnando tempo per altre occupazioni. 

 

Dicono del libro

Altre storie che accadono oggi

tn-1

“… erano stati insigniti dal re, uno del vescovado, l’altro del suo beneficio, nello stesso giorno, il 27 aprile 1785…”
Victor Hugo, I miserabili

tn-1

“…Si voltano verso piazza Navona e lei dice: Io non ho mai saputo. Abbiamo filmato le fontane il 27 aprile 1982 alle 11 di sera…”
Marguerite Duras, Scrivere

tn-1
“…noi pensavamo di venire il ventisette di aprile, ci sei a Bologna il ventisette di aprile?…”
Paolo Nori, Gli scarti

 


CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone