27 Febbraio

27 febbraio 2014

« »

27 febbraio
Solo ventidue giorni ci dividono dalla primavera. Giuro che il 21 marzo mi toglierò i panni invernali e, quale che sia il tempo, ci fosse anche una tempesta di neve, me ne andrò a spasso per il Jackson Park senza cappello e senza guanti

Saul Bellow, L’uomo in bilico, 1944, tr. it. G. Monicelli, Mondadori 1976, p.130

In attesa di prendere servizio nell’esercito, fra il 1942 e il 1943, Joseph, il protagonista del libro, registra gli avvenimenti, i cambi di prospettiva, la nuova misura del tempo derivante da questa attesa. In aprile verrà chiamato sotto le armi, “affrancato da ogni dovere di decidere di me stesso” e nei due mesi che precedono questo cambio di stato, passa da grandi temi – come la libertà o la responsabilità – ad annotazioni sul carattere di singoli irripetibili giorni di quel periodo.

Dicono del libro
Questo romanzo-diario è un viaggio interiore oscuro e tormentato alla ricerca di sé. L’uomo in bilico è il primo romanzo di Saul Bellow, una sorta di diario in cui confluiscono, in massima parte, gli elementi costitutivi del suo “pensiero”, la ricerca speculativa sulle ragioni dell’esistenza umana e del proprio essere. I suoi personaggi, sono, spesso, uomini con poche qualità, frustrati dalle loro stesse ambizioni, in conflitto con gli schemi del contesto sociale in cui vivono. Il protagonista è Joseph, un giovanotto ventisettenne, impiegato presso l’Inter-American Travel Bureau, diplomato in Storia all’Università del Wisconsin e coniugato da 5 anni. Egli trascorre nove mesi inattivo “in attesa burocratica” delle pratiche ministeriali prima di essere chiamato alle armi (siamo nel dicembre 1942) e in questa pausa riflette sulla propria vita”.
(Dalla recensione al libro su sololibri.net)

Altre storie che accadono oggi

tn-1

“…La giovane che vedo là è la stessa che si presentò da me la sera del sabato 27 febbraio…”
George Eliot, Adam Bede

tn-1

“… Il 27 febbraio 1874 Arthur Orton (alias Tom Castro) fu condannato a quattordici anni di lavori forzati. In carcere si fece voler bene…”
Jorge Luis Borges, Tom Castro, l’impostore inverosimile (Storia universale dell’infamia)

tn-1

“… Aveva preso la polmonite quella fredda, gelida primavera, quella tremenda giornata del 27 febbraio…”
Nina Berberova, La sovrana (segnalazione di @atrapurpurea)

tn-1
“… ero fermo con la mia pila per osservare come il Carnevale fosse finalmente iniziato nonostante quel buio e quel silenzio…”
Giampiero Comolli, La foresta intelligente


CondividiTweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on LinkedIn0Email this to someone